domenica 16 settembre 2018

TRATTAMENTO CON AGOPUNTURA E AURICOLOTERAPIA

1.     Patologia muscolo-scheletrica, in particolare artralgie su base artrosica, cervicalgia, lombalgia e lombosciatalgia.
2.     Patologia broncopolmonare (asma e allergie respiratorie).
3.     Patologia otorinolaringoiatrica (riniti, sinusiti).
4.     Patologia gastroenterologica (nausea e vomito, dispepsia, gastrite, reflusso gastro-esofageo,colon irritabile, stipsi, diarrea.
5.     Ipertensione arteriosa.
6.     Patologia ginecologica e ostetrica (dismenorrea, amenorrea, sindrome climaterica, malposizionamento fetale, iperemesi gravidica, induzione del travaglio di parto).
7.     Patologia urologica (enuresi notturna, turbe della minzione).
8.     Patologia psichiatrica (insonnia, ansia, depressione).
9.     Disassuefazione dal fumo.
10.  Supporto alle dieta.
11.  Cefalee e nevralgie.
12.  Esiti di ictus cerebrale.
13.  Patologia dermatologica (dermatiti allergiche, acne).

OMEOPATIA

L'Omeopatia è una medicina nata alla fine del settecento per merito del dottor Samuel Hahnemann (1755-1843) e ba­sata sul principio della similitudine ("Similia similibus curentur", il simile cura il simile), precisa legge di natura peraltro già enunciata da Ippocrate, il padre della medicina. GII altri concetti fondamentali sono:
a)   il concetto di dose minima: i rimedi omeopatici, pro­venienti dai tre regni della natura, minerale, vegetale e ani­male, sono infatti diluiti moltissimo e contemporaneamente dinamizzati, cioè succussi, energizzati;
b)   il concetto di soppressione: i sintomi sono considerati dei segnali che l'organismo malato manda per segnalare il suo squilibrio profondo, pertanto non devono essere soppressi, come fa la medicina convenzionale, ma devo­no essere considerati nella loro globalità (sintomi mentali, emozionali e fisici), per individuare un farmaco o rimedio in grado di produrre gli stessi sintomi nell'organismo sano e di riarmonizzare l'organismo malato.
Durante la visita omeopatica viene così indagato minuziosa­mente tutto il vissuto del paziente, presente e passato, per evidenziare non solo la sofferenza fisica, ma anche i sintomi emozionali e quelli mentali, le modalità di aggravamento e mi­glioramento, i desideri e le avversioni alimentari, e soprattutto i sintomi strani e non spiegabili nei termini della medicina uffi­ciale, il tutto per arrivare al farmaco più "simile" alla sofferenza del paziente e personalizzare al massimo la cura. La terapia omeopatica è un percorso e necessita di una collaborazione consapevole e responsabile: nelle prime fasi della cura, nel corso delle malattie croniche, è possibile per esempio che si verifichi un temporaneo aggravamento, che è l'espressione della reazione dell'organismo alla sommini­strazione del farmaco e prelude ad un miglioramento. Nel corso delle malattie acute invece i rimedi omeopatici ben scelti agiscono molto rapidamente: non è vero in questi casi che l'Omeopatia è "lenta". Per quanto riguardo le sostanze che possono antidotare i rimedi omeopatici è consigliabile evitare il caffè, il thè, la camomilla, la menta e le sostanze aromatiche in genere.

AGOPUNTURA

L'Agopuntura è una delle tecniche terapeutiche della Me­dicina Tradizionale Cinese (MTC), che nacque nel secondo millennio a.C. e si organizzò e strutturò nel secondo-terzo secolo a.C. Si avvale dell'attività dei punti di Agopuntura e della rete dei "canali e collaterali o meridiani" che, secondo la teoria medica cinese, unisce - sovrapponendosi e colle­gandosi alle reti arteriosa, venosa, linfatica e nervosa - tutti i tessuti del corpo tra loro e con i rispettivi organi e visceri di riferimento addominali e toracici. Accanto all'Agopuntura esistono metodiche secondarie di stimolazione degli ago-punti; alcune sono antiche (moxibustione, coppettazione), altre sono moderne e sfruttano tecnologie recenti (elettro­puntura, magnetopuntura, laserpuntura, chimiopuntura). La MTC si ispira al pensiero taoista, la cui caratteristica principale è l'approccio di tipo olistico e relativistico alla realtà (cioè considerare ciascuna parte sempre e comun­que correlata al tutto da cui deriva, e sottoporre tutti gli elementi di un insieme a un continuo, reciproco confronto). Da questo punto di vista lo scopo dell'atto medico non è tanto quello di debellare direttamente il fattore patogeno, ma di riportare l'equilibrio all'interno dell'organismo, permetten­dogli di neutralizzare con le sue forze il fattore patogeno stesso. In questo senso l'Agopuntura si configura anche come medicina preventiva, poiché permette di curare i sin­tomi iniziali di disarmonia delle funzioni fisiologiche, prima che compaiano patologie conclamate. Gli effetti dell'Agopuntura sono:
a) antalgico-analgesico, che si estrinseca a vari livelli del Sistema Nervoso e coinvolge differenti neuromediatori;
b) immunomodulatore-antinfiammatorio;
c) effetto di regolazione neuroendocrina;
d) effetto sul tono muscolare;
e) effetto vasomodulatore-trofico;
f)   effetto sulla sfera psico-emotiva.

AURICOLOTERAPIA

L'Auricoloterapia è una metodica medica riflessa in grado di indurre nell'organismo delle modificazioni in senso con­trario alla malattia e/o di attivare specifici filtri del dolore. Questa pratica è diventata medicina dell'evidenza grazie soprattutto all'esperienza e agli studi fatti dal Dott. David Alimi, già ricercatore e docente presso l'Università di Parigi XI e XIII (i suoi insegnamenti sono validati da ricerche effet­tuate con la RMN funzionale e con tecniche termografiche; nel 2010 l'O.M.S. ha riconosciuto la validità dei suoi studi e delle sue cartografie).
Tale metodica, mediante la stimolazione di specifici pun­ti dell'orecchio,può influenzare precise zone del sistema nervoso centrale, favorendo il recupero della loro migliore configurazione omeostatica.
L'orecchio, in virtù della sua innervazione privilegiata, è col­legato infatti al cervello in modo bidirezionale ed usufruisce di un continuo scambio di informazioni tra orecchio, cervello e organi periferici. Il Sistema Nervoso Centrale e l'orecchio possono pertanto essere paragonati ad un PC, nel quale i due padiglioni auricolari rappresentano la tastiera e fanno capo ciascuno ad un disco rigido o memoria interna, situata sull'emisfero opposto.
Il linguaggio con cui comunichiamo tramite l'Auricoloterapia deve essere proprio del sistema nervoso, ovvero dettato da un ragionamento neurofisiologico, nonché essenziale, sem­plice e coerente con la patologia in atto. Pertanto l'approccio auricoloterapeutico del Dott. Alimi affonda le sue radici nella medicina scientifica dell'evidenza e presuppone un'attenta diagnosi neurofisiologica che indaga, riconosce e tratta i disequilibri responsabili della patologia in atto. L'Auricoloterapia è praticata dal medico in tutti i campi del­la medicina con aghi ESTEMPORANEI, AGHI ASP e la CRIOAURICOLOTERAPIA
Il trattamento di attacco e di induzione comprende 3 sedute, intervallate da circa un mese.

CURRICULUM VITAE

Nata il 4/08/60 a Torino  Italia

ESPERIENZA  PROFESSIONALE:
1992-1993: attività quale medico di base titolare presso ASL di Cirié.
1992-1997: servizio come Assistente medico, prima a tempo definito, poi a tempo pieno, presso il Servizio di Neurologia Ospedale Gradenigo di Torino.
Attualmente dirigente medico con rapporto di lavoro a tempo definito in extramoenia dal 1997 presso il Presidio Sanitario San Camillo di Torino, in qualità di Neurologo e Fisiatra.
Attività libero professionale come Neurologo, Omeopata e Agopuntore dal 1990.
Docente presso la Scuola di Omeopatia Classica di Torino Similia Similibus dal 2013.

ISTRUZIONE  E  FORMAZIONE:
1979: Maturità Classica presso il Liceo Classico  Massimo D’Azeglio di Torino.
1985: Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Torino.
1990: Specializzazione in Neurologia presso l’Università degli Studi di Torino.
1990-1991: Primo Corso Nazionale sulle Cefalee presso le Università di Parma, Modena e Pavia.
1999: Diploma in Agopuntura presso il CSTNF di Torino, scuola aderente alla F.I.S.A.
1996: Corso di perfezionamento  in Agopuntura Tradizionale Cinese presso l’Università di Shangai.
1999: Diploma in Grafologia con specializzazione nel settore professionale - selezione del personale presso la SCG di Torino. Nello stesso anno iscrizione previo esame all’Associazione Grafologi Professionisti di Bologna.
1997-2000: frequenza al corso di Omeopatia Classica del Prof. Vithoulkas in Alonissos (Grecia), e a Chianciano (Italia).
2005: Diploma in Omeopatia Classica presso il Centro di Omeopatia di Milano.
2007-2009: Master di Omeopatia Classica presso il Centro di Omeopatia di Milano.
Dall’autunno 2009 frequenza ai corsi di Omeopatia Classica, con particolare attenzione alla  terapia oncologica, del dott. Dario Spinedi, Primario del reparto di Omeopatia della Clinica Santa Croce di Locarno.
2015: Diploma interuniversitario di Auricoloterapia presso l’Università di Parigi.

COMPETENZE  COMUNICATIVE:
2006-2007: insegnamento di Neurologia preso la Scuola di Osteopatia di Torino.
Docente presso la Scuola di Omeopatia Classica di Torino Similia Similibus dal 2013.

COMPETENZE  PROFESSIONALI:
Neurologia, Fisiatria, Omeopatia Classica, Agopuntura  Tradizionale Cinese, Auricoloterapia, Grafologia.

COMPETENZE  INFORMATICHE:
Utilizza dal 2000 il programma omeopatico RADAR.

PUBBLICAZIONI  E  PRESENTAZIONI:
Posters, articoli e un Testo (Compact – Enciclopedia della Medicina – Edizioni De Agostini, per quanto riguarda le voci neurologiche), tutti in ambito neurologico, negli anni 1986-1997.
Pubblicazione sulla rivista F.I.A.M.O. “Il Medico Omeopata” degli articoli “Omeopatia, Grafologia e Analisi del disegno” (2007) e “Locarno 11-15/9/2016: l’integrazione di due grandi scuole omeopatiche nella cura delle malattie gravi”.
Presentazione della relazione “Trattamento con Agopuntura della spalla dolorosa nel paziente emiplegico” nell’ambito del XXIII Congresso S.I.R.A.A., presso l’Istituto Besta di Milano (2008).
Presentazione di tre relazioni su casistica omeopatica nell’ambito del Convegno di Omeopatia Piemontese, negli anni 2011, 2012 e 2017.
Presentazione della relazione “Valutazione dell’efficacia dell’Auricoloterapia nella malattia di Parkinson tramite lo studio di parametri grafologici” nell’ambito del Convegno “La riabilitazione nelle persone con malattia di Parkinson” (2017).
Presentazione della relazione “La terapia dell’acqua fresca in un paziente con esiti di grave trauma cranico con danno assonale diffuso” nell’ambito del Convegno Nazionale FIAMO 2018 “Omeopatia tra scienza e pratica clinica”.